Home #10 World's Religions L'Amato San Paolo (Hilarion) ci spiega come l'Albero della Vita può guarire le Nazione ...
L'Amato San Paolo (Hilarion) ci spiega come l'Albero della Vita può guarire le Nazione ... PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Sunday, 27 May 2012 19:20

L'Albero della Vita ...

Salve,

   E' questa Lezione è molto seria. Perché è Seria? ... Perché le Nazioni sono malate. Il Mondo è Malato.

   Cosa vuol dire che il Mondo è Malato? ... Il Mondo è Malato perché ... è come se avesse il Cancro ...

   ... Le Nazioni sono malate perché ... mentre la mano destra si alza ... la mano sinistra si bassa. L'Occhio non sa dell'orecchio ... e la gamba destra ... non va dove va la Sinistra.

    Queste parole riprendono le parole dei Corinzi, scritti da San Paolo a Roma.

   Permettendomi di dire, che l'Apostolo Paolo ebbe un figlio di nome Giovanni, che scrisse il Libro della Apocalisse (Libro delle Rivelazione ... è Rivelazione non significa fine) ...

    Ora bene. Siamo in Crisi? ... Si! ... 

    Delle Ragioni della Crisi sono di carattere karmico, ovvero tutti i paesi, e Nazioni ... persone incluse debbono pagare TUTTI i debiti non risolti in tutte le vite ... lungo i secoli delle loro esistenze.  

    Il Libro delle Rivelazione (Apocalisse in Italiano ... spiega ...)

Ap. 22:2: In mezzo alla piazza della città e da una parte e dall'altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni.

      E' allora ... è L'Albero della vita ... che guarirà con le sue foglie ... Le Nazioni.

      Vi Lascio alla Parola di Hilarione ... Santo Hilarione ... che fu L'Apostolo Paolo, padre di Giovanni.

Grazie,

Giovanni A. Orlando.

PS. Hilarione è un Maestro Asceso.

***

Maestro Hilarion 

 

Studiamo certe parti della Bibbia.

 

Corintios 12:1-31: Riguardo ai doni dello Spirito, fratelli, non voglio che restiate nell'ignoranza. Voi sapete infatti che, quando eravate pagani, vi lasciavate trascinare verso gli idoli muti secondo l'impulso del momento. Ebbene, io vi dichiaro: come nessuno che parli sotto l'azione dello Spirito di Dio può dire "Gesù è anàtema", così nessuno può dire "Gesù è Signore" se non sotto l'azione dello Spirito Santo. Vi sono poi diversità di carismi, ma uno solo è lo Spirito; vi sono diversità di ministeri, ma uno solo è il Signore; vi sono diversità di operazioni, ma uno solo è Dio, che opera tutto in tutti. E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l'utilità comune: a uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza; a un altro invece, per mezzo dello stesso Spirito, il linguaggio di scienza; a uno la fede per mezzo dello stesso Spirito; a un altro il dono di far guarigioni per mezzo dell'unico Spirito; a uno il potere dei miracoli; a un altro il dono della profezia; a un altro il dono di distinguere gli spiriti; a un altro le varietà delle lingue; a un altro infine l'interpretazione delle lingue. Ma tutte queste cose è l'unico e il medesimo Spirito che le opera, distribuendole a ciascuno come vuole. Come infatti il corpo, pur essendo uno, ha molte membra e tutte le membra, pur essendo molte, sono un corpo solo, così anche Cristo. E in realtà noi tutti siamo stati battezzati in un solo Spirito per formare un solo corpo, Giudei o Greci, schiavi o liberi; e tutti ci siamo abbeverati a un solo Spirito. Ora il corpo non risulta di un membro solo, ma di molte membra. Se il piede dicesse: "Poiché io non sono mano, non appartengo al corpo", non per questo non farebbe più parte del corpo. E se l'orecchio dicesse: "Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo", non per questo non farebbe più parte del corpo.
Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l'udito? Se fosse tutto udito, dove l'odorato? Ora, invece, Dio ha disposto le membra in modo distinto nel corpo, come egli ha voluto. Se poi tutto fosse un membro solo, dove sarebbe il corpo? Invece molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Non può l'occhio dire alla mano: "Non ho bisogno di te"; né la testa ai piedi: "Non ho bisogno di voi". Anzi quelle membra del corpo che sembrano più deboli sono più necessarie; e quelle parti del corpo che riteniamo meno onorevoli le circondiamo di maggior rispetto, e quelle indecorose sono trattate con maggior decenza, mentre quelle decenti non ne hanno bisogno. Ma Dio ha composto il corpo, conferendo maggior onore a ciò che ne mancava, perché non vi fosse disunione nel corpo, ma anzi le varie membra avessero cura le une delle altre. Quindi se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui. Ora voi siete corpo di Cristo e sue membra, ciascuno per la sua parte. Alcuni perciò Dio li ha posti nella Chiesa in primo luogo come apostoli, in secondo luogo come profeti, in terzo luogo come maestri; poi vengono i miracoli, poi i doni di far guarigioni, i doni di assistenza, di governare, delle lingue. Sono forse tutti apostoli? Tutti profeti? Tutti maestri? Tutti operatori di miracoli? Tutti possiedono doni di far guarigioni? Tutti parlano lingue? Tutti le interpretano? Aspirate ai carismi più grandi! E io vi mostrerò una via migliore di tutte.

 

Questo potente capitolo, con un meraviglioso simbolismo che porta nuovamente l’implicito del dodici. La parti del Corpo sulla Terra sono state in conflitto una contro le altre, per diversi migliaia d’anni, non è vero? Una mano ignora quello che fa l’altra. I piedi non si dirigono dove ha detto la testa. Loro sono in conflitto. E’ quando parliamo dell’unico corpo di Cristo, parliamo di tutti i suoi figli e delle pecore del suo gregge, sul pianeta terra.

 

Ma i tempi cambiano e non vi sarà lotta alcuna. Siamo portati alla perfezione in un solo corpo nella vibrazione di Cristo.

 

Se ogni parte non è in armonia con l’altra, allora è fuori del ritmo cosmico, poi produce discordia e conflitto e questa la base della ‘malattia’ personale.

 

Questo capitolo si riferisce ai doni dello Spirito del nostro Padre Infinito. Alcune lingue: Isha malai tai tou. Cosi vi saranno lingue parlate e quelli che traducono le lingue. Ci saranno profeti e apostoli.

 

Ci sarà sapienza è conoscenza. La saggezza non è la conoscenza, ne la conoscenza è saggezza. Non avrete saggezza, dalla sola conoscenza.

 

La prossima citazione del Libro di Malachia è l’ultimo capitolo e l’ultimo capitolo dell’Antico Testamento.

 

Malachia 4:1-6: Poiché, ecco, il giorno viene, ardente come una fornace; e tutti i superbi e chiunque opera empiamente saranno come stoppia; e il giorno che viene li divamperà, dice l’Eterno degli eserciti, e non lascerà loro né radice né ramo. Ma per voi che temete il mio nome si leverà il sole della giustizia, e la guarigione sarà nelle sue ali; e voi uscirete e salterete, come vitelli di stalla. E calpesterete gli empi, perché saran come cenere sotto la pianta de’ vostri piedi, nel giorno ch’io preparo, dice l’Eterno degli eserciti. Ricordatevi della legge di Mosè, mio servo, al quale io diedi in Horeb, per tutto Israele, leggi e prescrizioni. Ecco, io vi mando Elia, il profeta, prima che venga il giorno dell’Eterno, giorno grande e spaventevole.  Egli ricondurrà il cuore dei padri verso i figliuoli, e il cuore dei figliuoli verso i padri, ond’io, venendo, non abbia a colpire il paese di sterminio.

Non è un bellissimo capitolo? Elia arriva innanzi al Grande e terribile giorno del Signore, arriva Giovanni Battista. Non è scritto cosi? Adesso leggete un’altra volta il Sole della Giustizia, perché è un importante verso.

 

Malachia 4:2: Ma per voi che temete il mio nome si leverà il sole della giustizia, e la guarigione sarà nelle sue ali …

 

Il nostro messaggio è diretto al rimanente, e nessuno più. Dopo il tempo della Tribolazione e lo stabilimento del Millennio sulla Terra, alcuni dicono: “Come potrò adeguarmi a questo periodo con il mio Signore? Non ho game; sono all’ultimo stadio del cancro” .

 

Adesso parleremo di queste condizioni fisiche, perché i popoli della Terra vogliono sapere e hanno diritto a conoscere la risposta.

 

Il Sole della Giustizia si leverà con la Salvezza delle sue ali! Pertanto, la seconda venuta avrà la Divina Salvezza su tutto quello che resta.

 

Parla del giorno che sarà come un forno, di quelli che verranno eliminati dalla Terra e arderanno come stoppa; ed il resto camminerà sulla stoppia e le ceneri saranno frantumate sotto i loro piedi. E’ quelli che vogliono schiavizzare l’uomo fisicamente, mentalmente e spiritualmente, ritorneranno alla polvere da dove sono venuti, per iniziare un nuovo ciclo. Ma ricordate, il Sole di Giustizia si leverà con le ali della Salvezza! Sta arrivando.

 

Proverbi 3:8: Salute sarà per il tuo corpo e un refrigerio per le tue ossa.

 

Che strano verso? Che in nome di tutto quello che è santo è medicina per il tuo corpo, refrigerio per le tue ossa?, Può essere anche tradotto come “medicina”

 

L'ombelico è la regione del plesso solare. E che cosa è il plesso solare? Esso specie di un cervello addominale. È inoltre il centro di un chakra. Cioè è una delle zone più vitali ed è questa la ragione per cui vi sono cosi tanti frastorni e condizioni emozionali. Soprattutto si soffre per la forte influenza di condizioni mentali. La tensione mentale, oggi è causa di ulcere e di malattie della vescicola. Essa non è bilanciata. Esiste un gran vortice in questo punto, in questo chakra, che porta molte vibrazioni benefiche e raggi da fuori. Allora sarà salute, o medicina nel tuo ombelico, o plesso solare, o centro di unione delle ossa.

 

Qual è la nuova vibrazione che sta entrando adesso nella Terra, in questa nuova dimensione di Spazio e Tempo? I suoi effetti si sentiranno principalmente nel plesso solare.

 

Ma non dovrà accadere fino al suo prossimo arrivo. Poi  la salvezza delle sue ali: è salute per il tuo plesso solare. Questa nuova condizione non può che curare, pulire e purificare a quelli che restino. Questa sarà la loro eredità: Perfetta Salute e l’eliminazione di ogni malattia. Perché una volta che si alzi il suo regno, e si porti dentro quelli che sono suoi, dentro se stesso, questa vibrazione realizzerà la sua opera.

 

Marco 16:17-18: E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno.

 

Che vuol dire riferendosi ai serpenti? E’ una promessa. La Bibbia è prima di promesse da Dio. Questa è una promessa scritta in Marco, che dice: prenderanno in mano serpenti velenosi, e se berranno cosa mortifera o velenosa, non le farà niente.

 

Ora bene, dite alla gente che dico questo: Vanno alla Chiesa le domeniche e credono nella vita dopo la morte, la domenica, e nella salvezza divina, e i miracoli, la domenica; credono che Cristo cammino sulle acque la Domenica e lui risuscito dai Morti, la domenica. Credono questo la domenica;  ma il resto della settimana, si tolgono quel manto di credenza, e hanno una gran paura e non credono, e la loro fede è scarsa. Perché questa è una promessa fatta da Dio: la crediamo o non la crediamo. Dio dice la verità o niente!

 

Ci ha promesso che possiamo bere veleno di serpente con le mani, e che possiamo bere una cosa mortifera e che non soffriremo danno alcuno. E’ cosi è.

 

Non dobbiamo tentare Dio tuo! Se per causalità troviamo una serpente e beviamo veleno, che ci fu dato per quelli che vogliono distruggerci, saremo protetti. Ma non dobbiamo tentare al Pare.

 

Luca 10:19 Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra i serpenti e gli scorpioni e sopra ogni potenza del nemico; nulla vi potrà danneggiare.

 

Altra promessa del Padre! Possiamo calpestare serpenti e scorpioni. Ci da potestà. E’ ancora più potestà sul nemico, ed il nemico è l’Anti-cristo, a chi conosciamo come i Banchieri Internazionali e gli altri che desiderano schiavizzare gli Uomini sulla Terra, le forze “Nere”, negative. Dio ci dice che ci darà potestà su di Loro.

 

Per concludere, non vi è nulla che ci possa danneggiare. Nessuna cosa! Questa promessa è trascurata dai fondamentalisti e gli altri che negano la Salvezza Divina e cosi detti, altri miracoli del Padre Divino.

 

Dio promette al rimanente che resterà, non per le Forze “Nere”, ma per i suoi figli, che nulla potrà fargli male.

 

Perché avete paura, allora? Perché ritrattate dal Lunedì al Sabato, e credete la Domenica?

 

Ap. 22:2: In mezzo alla piazza della città e da una parte e dall'altra del fiume si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni.

 

Qual è l’albero? Più importante che la guarigione di un solo uomo, è la guarigione delle Nazioni, e non solo delle nazioni della Terra. Le “Nazioni” significa la Parola di Michele, altri mondi, la Guarigione dei dodici di questo sistema, riportando alla Terra alla Fratellanza del Tribunale Interplanetario, la Fratellanza Interplanetaria.

 

E’ quando parliamo di salute, e di guarigione, non ci riferiamo unicamente all’uomo individuale con i suoi gonfiori di denti e oppure il cancro, ci riferiamo alle nazioni che ugualmente patiscono di cancro, malattie, di degenerazione e che stanno morendo. Pertanto è una Promessa di Dio, nell’ultimo libro delle Sacre Scritture, che le Nazioni vengano sanate quando dice che “Le foglie dell’Albero servono a guarire le nazioni”

 

Ora bene Cosa sono i dodici frutti? Ogni mesi i frutti vengono dati. I frutti sono i doni dello Spirito, che dovranno essere dati alle nazioni, e i fogli per la sua guarigione. Questo sanerà le Nazioni della Terra e le unirà in un Gran Corpo al quale i membri no saranno più in conflitto, gli uni con gli altri. Un piede no dirà, “io andrò ad Ovest”, e l’altro piede, “io andrò ad est”. Il Corpo sarà uno perché le Nazioni verranno sanate. Ci sarà un mondo, non sotto le Nazioni Unite, ma sotto Cristo la Guida di Cristo Re, Signore della Terra.

 

Luca 4:22: Tutti gli rendevano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: "Non è il figlio di Giuseppe?". Ma egli rispose: "Di certo voi mi citerete il proverbio: Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnao, falli anche qui, nella tua patria!".

 

Qui ci sono due punti di somma Importanza: Uno, “Medico guarisci te stesso”, che le persone di Nazareth, che rifiutavano a Cristo, dicevano a Gesù. E’ il secondo è, Un Profeta non è mai accettato nella propria Terra.

 

Le persone dicono, “Medico, se sei cosi grande, e pretendi di esserlo, allora guarisci te stesso”. Ora bene, nei giorni che dovranno venire (sono già arrivati, dal 2009), ci saranno coloro che si burleranno e renderanno ridicoli, a quelli che lavorano con le Scuole di Mistero, “Se sei riuscito su questa cosa, guarisci te stesso”. Perché sono molti gli inetti. Chissà questa condizione di inettitudine, sia dovuta al compimento della parola, forse siete nati in modo che quest’opera debba essere mostrata, persino all’uomo che venne guarito dal Maestro.

 

Il Maestro disse, che la sua condizione non si doveva ai peccati della madre, o del Padre, e neanche ai suoi propri peccati, ma che doveva essere un esempio.

 

Pertanto, quando dicono “Guarisci te stesso”, il Rimanente dovrà dimostrare e guarirsi a se stesso, perché ogni uomo ha il dovere di perfezionarsi attraverso Cristo.

 

Фильчаков Александр Васильевичсковорода с тефлоновым покрытием купитькомплектующие для тепловых насосовбачок расширительный для отопленияukr shiniкак отключить тарифы на мегафоненасос водыьупфащтюкгкак узнать вид оперативной памяти на компьютерегрузы по украинемакияж с синими тенями для зеленых глазdab dcm dcp
Last Updated on Sunday, 27 May 2012 19:40